Canto dell'albero

Ispirato a L’uomo che piantava gli alberi di Jean Giono

Età consigliata: 5-10 anni

Durata: 50'

 

La scena in continua trasformazione da città diventa foresta. All'inizio una figura femminile si muove in un luogo deserto, privo di calore. Vorrebbe fare qualcosa per cambiarlo. Ogni azione umana ha una conseguenza sulla natura. L'uomo può far nascere un bosco o lasciare che il deserto domini. È così che la giovane donna decide di far nascere una foresta. Si trasforma ella stessa in albero, in madre natura, quasi sempre benigna, a volte maligna e, avvalendosi di aria, terra, acqua e fuoco, crea i semi, li pianta, fa nascere gli alberi e ne segue la crescita fino ai frutti, sempre attenta ai loro bisogni e ai loro richiami, ma talvolta, per sua natura, li piega sotto il vento e li fa soffrire sotto il gelo. Nei piaceri e nelle difficoltà che accompagnano la crescita degli alberi il piccolo spettatore riconosce se stesso, le proprie paure e gioie, i propri desideri. Canto dell'Albero utilizza un linguaggio simbolico-evocativo che affida la narrazione e la comunicazione alla forza delle immagini e dei suoni. La parola c'è, ma è soprattutto parola poetica. L'immagine nasce dalla presenza dell'attrice, dai suoi gesti concreti e quotidiani, dagli oggetti scenici che insieme alle luci/colore assolvono una funzione narrativa. Con i quattro elementi l'attrice gioca per costruire i semi e far nascere gli alberi, dai cinque prismi di legno crescono alberi di specie diverse. Le luci e i colori segnano lo scorrere del tempo, il passaggio dal giorno alla notte e il ciclo delle stagioni. Il suono è il canto della Donna/Albero, ma anche la voce della natura e della vita.

Canto dell'Albero, creazione di Tam Teatromusica del 1998, in occasione dell'anno internazionale delle foreste proclamato dall'ONU nel 2011, viene riproposto in un nuovo allestimento digitale.

 

Disegnare la scena in tempo reale significa non considerare la luce come effetto, ma come vera e propria pittura di luce. Accanto a Madre Natura in Canto dell'Albero la luce diviene allora un secondo "attore" che appare, scompare e disegna con la rapidità del gesto di un pittore. Colora le stagioni e sottolinea alcune significative intemperanze di Madre Natura con immediatezza e originalità.
(Michele Sambin)

 

Selezionato da ETI per tre volte e inserito nei suoi progetti per l'infanzia: "Tempo dello spettatore 1998/99", "Premio Stregagatto 1999/2000", "Qualità Ragazzi 2001/02". All'estero è presente a: Festival Méli' Môme di Reims - Francia, Internationales Puppentheaterfestival di Berlino - Germania, Festival A pas Contès di Dijon - Francia, Teatro di Gradignan - Francia, Teatro di Losanna – Svizzera.

 

Ideazione 
michele sambin, flavia bussolotto
Con 
flavia bussolotto
Composizione ed esecuzione musiche 
michele sambin
Sistemi interattivi 
pittura digitale dal vivo alessandro martinello
Immagini 
michele sambin
Regia 
michele sambin
Produzione 
tam teatromusica
 
Facebook
Youtube
Vimeo
Flickr
 

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti sulle iniziative del Tam

News